Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’ondata di freddo spinge l’import di gas
21/01/2017 - Pubblicato in news nazionali

Il sistema di infrastrutture del Paese ha risposto bene alla forte domanda di gas per il freddo: c’è stato un maggiore ricorso alle importazioni e agli stoccaggi. A fronte di un fabbisogno più elevato il Paese ha finito per pompare più gas dall’estero in linea con quanto decretato dal Mise in merito allo stato d’allerta. L’intero sistema ha retto bene per la diversificazione delle fonti d’approvvigionamento e di stoccaggio. Da domenica 8 gennaio, Stogit – il braccio di Snam che si occupa di attività di stoccaggio – ha erogato più volumi di gas. Nessun timore però, per gli stoccaggi l’Italia resta dopo la Germania il Paese con capacità di deposito maggiore in Europa.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Celestina Dominelli (pag.2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]