Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’ondata di freddo spinge l’import di gas
21/01/2017 - Pubblicato in news nazionali

Il sistema di infrastrutture del Paese ha risposto bene alla forte domanda di gas per il freddo: c’è stato un maggiore ricorso alle importazioni e agli stoccaggi. A fronte di un fabbisogno più elevato il Paese ha finito per pompare più gas dall’estero in linea con quanto decretato dal Mise in merito allo stato d’allerta. L’intero sistema ha retto bene per la diversificazione delle fonti d’approvvigionamento e di stoccaggio. Da domenica 8 gennaio, Stogit – il braccio di Snam che si occupa di attività di stoccaggio – ha erogato più volumi di gas. Nessun timore però, per gli stoccaggi l’Italia resta dopo la Germania il Paese con capacità di deposito maggiore in Europa.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Celestina Dominelli (pag.2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sfida verde dell’Europa al mondo: mille miliardi, neutralità Co2 nel 2050

La Commissione europea ha presentato ieri una nuova e ampia strategia ambientale che nei prossimi anni avrà impatto su tutti i settori: dall’industria all’agricoltura, dai trasporti all’energia.
[leggi tutto…]

Il gas del Tap cerca il raddoppio

Si deciderà a metà 2020 il raddoppio del gasdotto Tap
[leggi tutto…]

Emissioni, meglio tassarle alle frontiere

Per raggiungere gli obiettivi ambiziosi che servono a fronteggiare l’emergenza climatica, uno dei rimedi suggeriti dalla Presidente della Commissione europea, von der Lyen, è quello di tassare le emissioni per incentivare i produttori
[leggi tutto…]