Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’ondata di freddo spinge l’import di gas
21/01/2017 - Pubblicato in news nazionali

Il sistema di infrastrutture del Paese ha risposto bene alla forte domanda di gas per il freddo: c’è stato un maggiore ricorso alle importazioni e agli stoccaggi. A fronte di un fabbisogno più elevato il Paese ha finito per pompare più gas dall’estero in linea con quanto decretato dal Mise in merito allo stato d’allerta. L’intero sistema ha retto bene per la diversificazione delle fonti d’approvvigionamento e di stoccaggio. Da domenica 8 gennaio, Stogit – il braccio di Snam che si occupa di attività di stoccaggio – ha erogato più volumi di gas. Nessun timore però, per gli stoccaggi l’Italia resta dopo la Germania il Paese con capacità di deposito maggiore in Europa.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Celestina Dominelli (pag.2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]