Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Omv sulla vendita di Gca: Snam in short list con Allianz
11/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il prossimo 21 settembre si riunirà il consiglio di sorveglianza di Omv, il colosso energetico austriaco, per decidere a chi cedere il 49% della controllata Gas Connect Austria, società attiva nel trasporto del gas e con un sistema molto ramificato di pipeline che corrono per 900 chilometri nel paese. Tra le proposte rimaste in gara una è quella rappresentata da Snam in tandem con il colosso assicurativo tedesco Allianz, gli altri sono gli australiani di Macquarie e i cechi di Eph. La gara, giunta ormai al termine, si giocherà essenzialmente sulle offerte economiche e sui piani di sviluppo proposti dai tre competitor. Da questo punto di vista Snam offre maggiori garanzie, oltre alla conoscenza del mercato e dei venditori, anche l’esperienza nel settore con la realizzazione proprio del Tag, il doppio gasdotto che si snoda tra Slovacchia e Austria. A fare la differenza con australiani e cechi potrebbe anche essere il posizionamento strategico e di intelligence che Snam può vantare nel mercato europeo del gas, nonché il ruolo di primo piano che sta giocando nella partita dell’”energy union”.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Finanza & Mercati - Celestina Dominelli (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]