Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’ombra dell’ipo Aramco sul meeting dell’Opec
25/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’Arabia Saudita spinge l’Opec e gli altri grandi produttori di petrolio, oggi riuniti a Vienna, a estendere i tagli alla produzione per altri nove mesi, cosa insolita per l’Opec, che si riunisce in genere due volte l’anno e stipula accordi di sei mesi. Motivo? Secondo i bene informati il fulcro sarebbero i tempi del supercollocamento di Saudi Arabian Oil Co (Aramco). I sauditi chiedono prezzi più alti nel 2018 per sostenere l’ipo della compagnia statale. L’offerta iniziale del 5%, il prossimo anno, è descritta come la più grande della storia, essendo Aramco valutata più di 2 mila miliardi di dollari. Ma la cifra dipenderà dal prezzo del petrolio, che deve ancora riprendersi dal crollo del 2014. I ministri dei 13 Paesi Opec accorsi a Vienna si dicono d’accordo con i sauditi sulla proroga di nove mesi dei tagli alla produzione decisi il dicembre scorso al fine di ridurre del 2% la produzione mondiale riportando in parte l’offerta in linea con la domanda.

Fonte: MF – Summer Sai; Benoit Caucon; Sarah McFarlane (pag. 5)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]