Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’ombra dell’ipo Aramco sul meeting dell’Opec
25/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’Arabia Saudita spinge l’Opec e gli altri grandi produttori di petrolio, oggi riuniti a Vienna, a estendere i tagli alla produzione per altri nove mesi, cosa insolita per l’Opec, che si riunisce in genere due volte l’anno e stipula accordi di sei mesi. Motivo? Secondo i bene informati il fulcro sarebbero i tempi del supercollocamento di Saudi Arabian Oil Co (Aramco). I sauditi chiedono prezzi più alti nel 2018 per sostenere l’ipo della compagnia statale. L’offerta iniziale del 5%, il prossimo anno, è descritta come la più grande della storia, essendo Aramco valutata più di 2 mila miliardi di dollari. Ma la cifra dipenderà dal prezzo del petrolio, che deve ancora riprendersi dal crollo del 2014. I ministri dei 13 Paesi Opec accorsi a Vienna si dicono d’accordo con i sauditi sulla proroga di nove mesi dei tagli alla produzione decisi il dicembre scorso al fine di ridurre del 2% la produzione mondiale riportando in parte l’offerta in linea con la domanda.

Fonte: MF – Summer Sai; Benoit Caucon; Sarah McFarlane (pag. 5)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]