Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La nuova strategia dell’Eni: ora più Medio Oriente
15/01/2019 - Pubblicato in news internazionali

Eni si ritrova insediata a pieno titolo negli Emirati (ad Abu Dhabi e a Sharja), in Bahrain e in Oman. Il Cane a sei zampe ha infatti siglato  una serie di contratti, in particolare sette in quattro Paesi. Ad Abu Dhabi la società è entrata in due aree esplorative marine; in Bahrain in un’altra area marina mentre nello Sharja si è aggiudicata due concessioni a terra. La settima area infine riguarda l’Oman. In tutto si tratta di circa 100.000 km quadrati da cui Eni si aspetta grandi sviluppi, non solo in termini di barili di petrolio, ma anche di impianti per lo sfruttamento di tali risorse. La nuova strategia medio orientale dell’Eni serve per diversificare e abbassare i rischi delle zone più instabili: il baricentro africano si sposterà quindi verso la penisola arabica e verso il Golfo del Messico.

Fonte: Corriere della Sera – Stefano Agnoli (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre

La combinazione delle misure di confinamento per la pandemia e di condizioni meteorologiche insolitamente buone ha determinato un'estrema volatilità nel primo trimestre 2020 sui mercati europei dell'energia
[leggi tutto…]

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]