Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La nuova strategia dell’Eni: ora più Medio Oriente
15/01/2019 - Pubblicato in news internazionali

Eni si ritrova insediata a pieno titolo negli Emirati (ad Abu Dhabi e a Sharja), in Bahrain e in Oman. Il Cane a sei zampe ha infatti siglato  una serie di contratti, in particolare sette in quattro Paesi. Ad Abu Dhabi la società è entrata in due aree esplorative marine; in Bahrain in un’altra area marina mentre nello Sharja si è aggiudicata due concessioni a terra. La settima area infine riguarda l’Oman. In tutto si tratta di circa 100.000 km quadrati da cui Eni si aspetta grandi sviluppi, non solo in termini di barili di petrolio, ma anche di impianti per lo sfruttamento di tali risorse. La nuova strategia medio orientale dell’Eni serve per diversificare e abbassare i rischi delle zone più instabili: il baricentro africano si sposterà quindi verso la penisola arabica e verso il Golfo del Messico.

Fonte: Corriere della Sera – Stefano Agnoli (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]