Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Norvegia, via libera a giacimento nell’Artico
06/12/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Mentre il fondo sovrano norvegese medita di disinvestire dalle società petrolifere, Statoil continua a scommettere sulle estrazioni nell’artico. La compagnia di Stato ha dato via libero allo sviluppo di Castberg, progetto più volte rinviato che oggi vanta costi dimezzati: 49 miliardi di corone (6 miliardi di dollari) invece dei 100 miliardi preventivati in origine, un risparmio che garantisce un ritorno sugli investimenti anche con il greggio a 35 $/barile, contro gli 80$ necessari in partenza. Il giacimento ha riserve stimate di 450-650 milioni di barili equivalenti di petrolio e dovrebbe entrare in funzione nel 2022, compensando in parte il declino della produzione di greggio norvegese, che dal 2000 è dimezzata a circa 1,7 milioni di barili al giorno. Il progetto è il secondo autorizzato nel mare di Barents. Il primo era stato Goliat, giacimento operato dall’Eni, entrato in funzione l’anno scorso ma fermo da due mesi per adeguamenti sulla sicurezza e al centro di discussioni anche sotto il profilo economico, dopo che alcuni analisti ne hanno messo in dubbio la potenziale reddittività.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati –Sissi Bellomo (pag. 40)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sale a 100 miliardi il fondo per finanziare il Green new deal

Doveva essere approvato l’11 dicembre prossimo, ma dopo l’annuncio della nuova presidente della Commissione Europea, von der Leyen che, invece dei 35 iniziali, punta a mobilitare 100 miliardi di euro per finanziare la transizione verso un&rsqu
[leggi tutto…]

Gas: a novembre frenano le centrali, industria ancora in caduta

Consumi di gas italiani in calo a novembre per una flessione a doppia cifra del termoelettrico, la prima riduzione da nove mesi in questo settore di consumo, e un nuovo forte calo dell'industria che hanno compensato la ripresa della domanda per risca
[leggi tutto…]

Il gas russo apre la via per la Cina: l’Europa non è più l’unico mercato

Per la prima volta un gasdotto russo punta in direzione opposta all’Europa
[leggi tutto…]