Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Norvegia, via libera a giacimento nell’Artico
06/12/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Mentre il fondo sovrano norvegese medita di disinvestire dalle società petrolifere, Statoil continua a scommettere sulle estrazioni nell’artico. La compagnia di Stato ha dato via libero allo sviluppo di Castberg, progetto più volte rinviato che oggi vanta costi dimezzati: 49 miliardi di corone (6 miliardi di dollari) invece dei 100 miliardi preventivati in origine, un risparmio che garantisce un ritorno sugli investimenti anche con il greggio a 35 $/barile, contro gli 80$ necessari in partenza. Il giacimento ha riserve stimate di 450-650 milioni di barili equivalenti di petrolio e dovrebbe entrare in funzione nel 2022, compensando in parte il declino della produzione di greggio norvegese, che dal 2000 è dimezzata a circa 1,7 milioni di barili al giorno. Il progetto è il secondo autorizzato nel mare di Barents. Il primo era stato Goliat, giacimento operato dall’Eni, entrato in funzione l’anno scorso ma fermo da due mesi per adeguamenti sulla sicurezza e al centro di discussioni anche sotto il profilo economico, dopo che alcuni analisti ne hanno messo in dubbio la potenziale reddittività.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati –Sissi Bellomo (pag. 40)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]

Il gas, economico e green, affossa il carbone

In nome dell’ambiente, ma anche dell’economia. Il ruolo del carbone nella generazione elettrica sta tramontando a una velocità senza precedenti in Europa
[leggi tutto…]