Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Nomine, l’ultimo blitz Profumo va a Leonardo Del Fante ad delle Poste
17/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

La partita delle nomine, nelle ultime ore di gioco, prende abbrivio e tre grandi partecipate statali vanno al cambio dei vertici, con nomi di rilievo. Come quello di Alessandro Profumo, ex Unicredit e Mps che il governo ha chiamato per diventare ad di Leonardo al posto di Mauro Moretti. Nuovi capi anche alle Poste, dove Matteo Del Fante sarà presto ad al posto di Francesco Caio, e in Terna, dove il sostituto di Del Fante va scelto in una rosa stretta, che sarà scremata stamani, prima del cda dell’azionista Cassa Depositi, anticipato di una decina di giorni perché (una volta sistemati i tasselli “pesanti”) governo e Tesoro hanno preferito comunicare insieme tutte le nomine aziendali in scadenza: oltre a quelle citate ci sono Eni, Enel, Enav e altre minori, per un centinaio di poltrone calde. Ieri il premier Paolo Gentiloni e il ministro del Tesoro Pier Carlo Padoan si sono incontrati per un confronto sulle materie di giornata. Come sempre la vigilia delle decisioni sulle liste - che forse saranno diffuse già stasera a mercati chiusi, o al più tardi lunedì 20, data ultima in tempo per l’assemblea Eni del 13 aprile - è un momento di grande tensione tra i poteri della politica e dell’economia. La corsa dell’ultima ora si è incentrata su Poste e Leonardo (l’ex Finmeccanica), i due dossier “di cambiamento” dopo che il governo aveva stabilito di concedere un altro triennio ai vertici dell’Eni (ad Claudio Descalzi, presidente Emma Marcegaglia) e dell’Enel (ad Francesco Starace, presidente Patrizia Grieco).

Fonte: La Repubblica – Andrea Greco, Roberto Petrini (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]