Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa No al petrolio in Basilicata. Il Pd in guerra contro l’Eni
12/10/2017 - Pubblicato in news nazionali

Sono passati cinque giorni da quando la Regione Basilicata ha fermato le operazioni di “reiniezione delle acque di strato” nel pozzo gestito dall’Eni Costa Molina 2 a Montemurro, provincia di Potenza. E il conto per la compagnia italiana si preannuncia salato: ad oggi si parla tra i 2,5 e i 5 milioni di euro, tra 500mila e 1 milione al giorno. Le operazioni di estrazione del petrolio lucano non hanno mai avuto vita facile ma ora la “sospensione precauzionale” di tre mesi decisa dalla giunta può creare seri problemi alla società e ai lavoratori locali. Il motivo di fondo per cui è stata presala drastica decisione è la presenza, contestata, di una sostanza ritenuta pericolosa nelle acque (cosiddette di strato) che vanno reimmesse nel sottosuolo.

Fonte: Libero – Antonio Spampinato (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]

Doppia Commessa per Saipem

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari.
[leggi tutto…]