Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Nessuna ripresa delle quotazioni se non si limita l’offerta
03/02/2016 - Pubblicato in news internazionali

Mentre il prezzo del petrolio continua ad essere pericolosamente vulnerabile, nel mercato e tra gli analisti del settore si è diffusa l’idea che sia prossima un’intesa tra grandi produttori per tagliare la produzione. Tutto ciò può essere, ma ci andrei cauto. Tra i tre più grandi produttori del mondo – Arabia Saudita, Russia e Stati Uniti – solo Riad fino ad oggi ha limitato la produzione. Nondimeno è accusata da tutti gli altri paesi petroliferi di produrre troppo. Quando tutti parlano di possibili intese tra produttori per tagliare qualcosa, il retro-pensiero di tutti i produttori corre sempre all’Arabia Saudita. E’ da lei che ci si aspetta un taglio salvifico. I sauditi non vogliono fare regali a nessuno e non molleranno. Se il petrolio dovesse andare sotto i 25 dollari al barile per un tempo prolungato, forse tutti i produttori si convinceranno della necessità di uno sforzo comune.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Leonadro Maugeri (pag. 5)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]