Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa A Napoli un deposito per il gas
16/05/2017 - Pubblicato in news nazionali

Il porto di Napoli ospiterà un deposito di gnl (gas naturale liquefatto), in adempimento a quanto prescritto dal Piano energetico nazionale voluto dai ministeri dello Sviluppo economico, delle Infrastrutture e dell’Ambiente. Una struttura che servirà a potenziare quello che è già il primo terminal gasiero (gpl) d’Italia. Un orientamento chiaro e ben definito è emerso dalla recente Conferenza gnl-Expo gnl 2017, che si è svolta a Napoli nei giorni scorsi, con la partecipazione di esperti internazionali e di alcune tra le principali aziende del sistema industriale come Edison, Liquigas e Iveco già attive nel settore e interessate al nuovo mercato che dal Sud Italia si sta aprendo. L’annuncio è del presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale, (Adsp) Pietro Spirito. «Entro la fine di quest’anno – ha detto – avvieremo una manifestazione di interesse per conoscere gli orientamenti degli operatori. Nel 2018 partirà la gara per l’impianto».  «Non resta che partire subito – precisa Spirito – per aver tempo per tutte le procedure e per la costruzione».

Fonte: Il Sole 24 Ore – Vera Viola (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]