Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ma Mosca vorrebbe vendere più gas al Dragone
20/01/2016 - Pubblicato in news internazionali

L'alleanza energetica tra i due Paesi era stata suggellata nel maggio del 2014 da un accordo da 400 miliardi di dollari, che prevede la fornitura ai cinesi di 38 miliardi di metri cubi di gas all'anno a partire dal 2018. «Non abbiamo alcun piano per la riduzione», ha detto Dvokovich in riferimento a possibili passi indietro, intervenendo a un appuntamento dell'Asia Society, «Vogliamo aumentare le esportazioni». Nella visione del vice premier, l'aumento dell'export servirà a cementare ulteriormente i rapporti con Pechino, verso la quale la Russia è stata spinta dalle sanzioni imposte in seguito al coinvolgimento nella crisi ucraina e le relative difficoltà economiche. Secondo quanto riportato nei giorni scorsi dall'agenzia di stampa britannica, il progetto di fornitura di gas a Pechino potrebbe comunque slittare al 2020. Una delle questioni irrisolte è l'affidamento della costruzione delle infrastrutture necessarie ad aziende cinesi. I ribassi del rublo avrebbero inoltre influito sui costi di importazione dell'attrezzatura necessaria. L'avvio delle esportazioni potrebbe quindi slittare di due anni.

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Carbone auf Wiedersehen, svolta verde in Germania

L’offensiva del Green Deal tedesco passa per un superamento del carbone, con la chiusura entro il 2038 delle centrali alimentate da questo combustibile altamente inquinante
[leggi tutto…]

La Turchia di Erdogan lancia la sfida a Eni in Libia

Il presidente turco Erdogan ha annunciato che quest’anno avvierà attività di esplorazione e perforazione nel Mediterraneo nelle zone inquadrate dall’accordo sulla demarcazione dei confini marittimi con la Libia
[leggi tutto…]

Transizione e gas, affare in commissione Industria Senato

La commissione Industria del Senato avvierà a breve un “affare assegnato” sulla transizione energetica e il ruolo del gas e delle altre fonti
[leggi tutto…]