Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mosca e Riad sfidano gli Usa sul petrolio. Una super-Opec per controllare i prezzi
09/02/2019 - Pubblicato in news internazionali

La nascita di un Super-Opec. L’idea, che sarà discussa al vertice di Vienna del 17 febbraio, è creare una alleanza fra i 13 Paesi dell’organizzazione guidata dall’Arabia Saudita e altri dieci esportatori, a partire dalla Russia, che non ne fanno parte. Parliamo di pesi massimi. Mosca, con 11,1 milioni di barili al giorno è il secondo produttore e il secondo esportatore al mondo. Ma nel pacchetto ci sono anche il Messico, 1,74 milioni di barili al giorno, e il Kazakhstan, 1,7 milioni. Gli altri sono ex repubbliche sovietiche dell’Asia centrale e del Caucaso, come l’Azerbaigian, e africane, a partire dal Sud Sudan. L’Opec e il gruppo dei dieci collaborano già dal 2016 ma ora l’azione diventerà più organica e ha un obiettivo preciso: riprendere il controllo del mercato. La rivoluzione dello shale oil negli Stati Uniti, infatti, ha cambiato gli equilibri. Con l’arrivo di Donald Trump, poi, la battaglia è diventata sanguinosa. Trump ha eliminato ogni vincolo ambientale all’estrazione del petrolio di scisto e il punto di pareggio per i produttori si è abbassato. Oggi è stimato attorno ai 40 dollari al barile. È questo il nuovo “pavimento” verso il basso dei prezzi, sul quale l’inquilino della Casa Bianca vuole schiacciare le quotazioni. Per i due maggiori esportatori, Riad e Mosca, è un problema, e ora le due potenze petrolifere, con l’arrivo di Re Salman al potere e poi di suo figlio Mohammed, si sono avvicinate come non mai. Di qui la necessità per Mosca e Riad di consolidare e dare una cornice ufficiale alla loro alleanza. La Super-Opec punterà a imporre tagli generalizzati alla produzione e a far risalire i prezzi.

Fonte: La Stampa – Giordano Stabile (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Carbone auf Wiedersehen, svolta verde in Germania

L’offensiva del Green Deal tedesco passa per un superamento del carbone, con la chiusura entro il 2038 delle centrali alimentate da questo combustibile altamente inquinante
[leggi tutto…]

La Turchia di Erdogan lancia la sfida a Eni in Libia

Il presidente turco Erdogan ha annunciato che quest’anno avvierà attività di esplorazione e perforazione nel Mediterraneo nelle zone inquadrate dall’accordo sulla demarcazione dei confini marittimi con la Libia
[leggi tutto…]

Transizione e gas, affare in commissione Industria Senato

La commissione Industria del Senato avvierà a breve un “affare assegnato” sulla transizione energetica e il ruolo del gas e delle altre fonti
[leggi tutto…]