Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mosca fa la faccia feroce con l’Opec
06/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

La Russia non accetta di estendere i tagli alla produzione di petrolio. Dopo l’11% guadagnato dal greggio a partire da lunedì scorso, il calo violento e improvviso di ieri vede il Wti a 45,13$ (-4,1%) e il Brent a 48,13$ (-3%), con effetti collaterali anche su Eni (-1,4%), Saipem (-2,7%) e Tenaris (-1,35%). Mosca non asseconderà le richieste Opec. I dati di giugno mostrano come ci sia un livello produttivo di 32,55 milioni di barili al giorno che rappresenta il picco assoluto del 2017 e significa che in circolazione sonno stati messi 260 mila barili al giorno in più rispetto a maggio. Se nella prima metà dell’anno, il rispetto degli accordi era stato totale, ora il tasso di conformità all’intesa è sceso di una percentuali pari al 70%. Prossimo appuntamento il 24 luglio a San Pietroburgo.

Fonte: Il Giornale, Economia – Rodolfo Parietti (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]