Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mosca e Ankara, pace in nome del gas
11/10/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il disgelo, reso possibile dalle scuse del presidente turco alla Russia, era iniziato il 9 agosto, quando Vladimir Putin e Recep Tayyep Erdogan si erano incontrati a San Pietroburgo tornando a chiamarsi «caro amico», e assicurando che l’asse tra i due Paesi, messo seriamente in pericolo dall’abbattimento di un caccia russo per mano delle forze aeree turche in novembre, sarebbe stato ricostituito. È quanto è avvenuto ieri: un riavvicinamento suggellato nel nome degli interessi energetici. Insieme a Istanbul, Putin ed Erdogan hanno presenziato alla firma dell’accordo che “resuscita” Turkish Stream, il gasdotto rivolto ai mercati europei che sulle prime aveva preso il posto di South Stream respinto da Bruxelles, ma era rimasto congelato dalla crisi tra Mosca e Ankara. L’accordo, ha dichiarato in Turchia Aleksej Miller, il capo di Gazprom, prevede la costruzione di due linee principali sul fondo del Mar Nero, prevista entro il dicembre 2019. Costo previsto, 11,4 miliardi di euro: 910 km il tratto sottomarino, 180 quello in territorio turco, teoricamente in direzione Europa.

Fonte: Il Sole 24Ore – Antonella Scott (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi ai massimi da novembre

In aumento le quotazioni del petrolio sui circuiti elettronici internazionali.
[leggi tutto…]

Phase out carbone, Crippa rilancia il cavo Sardegna-Sicilia

Il phase out del carbone in Sardegna si può gestire dalla Sicilia, valutando la possibilità di accorciare i tempi di realizzazione;
[leggi tutto…]

Petrolio in ripresa, ma tra Riad e Mosca l’alleanza è a rischio

L’asse petrolifero tra Russia e Arabia Saudita inizia a scricchiolare
[leggi tutto…]