Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mosca: “L’accordo conviene a tutti. Ma i prezzi saliranno lentamente”
17/04/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

A tutti converrebbe trovare un accordo ed arrivare ad un livello equilibrato di prezzi», spiega il vicepremier russo Arkady Dvorkovic. Il numero due del governo della Federazione russa è tornato a Roma, accompagnato da tre ministri (energia, trasporti e rapporti col Nord Caucaso) per rilanciare la collaborazione economica con l’Italia. In questa occasione Dvorkovic ha incontrato il ministro degli Esteri Gentiloni, copresidente del Consiglio economico italo-russo, ed il ministro dell’Agricoltura Martina. Per Dvorkovic il prezzo del greggio continuerà ad oscillare tra i 35 ed i 45 dollari al barile mentre tra due anni si potrà arrivare a 50-60. Sostiene poi che Nord Stream 2 sia un buon progetto: “E come il corridoio Sud consentirà di offrire per decenni gas russo a prezzi ragionevoli a tutta Europa, Italia compresa, rendendo molto più sicuri gli approvvigionamenti. Capiamo perfettamente che in gioco ci sono interessi diversi, a cominciare da Germania e Italia, ma crediamo che si possa raggiungere una soluzione costruttiva. Però è fondamentale che tutti agiscano partendo dagli interessi dei consumatori e non da astratti interessi politici”.

Fonte: La Stampa – Paolo Baroni (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]