Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il Montenegro cerca risorse in Adriatico
23/01/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il Montenegro ha deciso di cercare il petrolio in Adriatico, di fronte alla Puglia e alle isole Tremiti. E intanto la Croazia fa il contrario, fa marcia indietro sulla ricerca di metano e greggio nel mare. Il mese scorso il ministero dell’Economia del Montenegro (ministarstvo Ekonomije Crna Gora) ha aperto la consultazione pubblica sul piano strategico del Governo per sfruttare i giacimenti in Adriatico tra le Bocche di Cattaro, davanti a Budua e Dulcigno. Di fronte alla costa barese e brindisina. Il documento di riferimento si chiama Programma di ricerca e sfruttamento di giacimenti di idrocarburi nel mare del Montenegro, una trentina di pagine accompagnate dai documenti correlati di impatto ambientale e note tecniche per le compagnie petrolifere e per i cittadini che vorranno esprimere il loro parere sul programma. Il tempo per rispondere al piano montenegrino e per offrire suggerimenti e osservazioni è il 25 febbraio. Con ogni probabilità, com’era avvenuto un anno fa con la Croazia, i comitati nimby italiani si faranno avanti inviando al Governo di Podgorica le contestazioni contro il programma montenegrino.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Commenti e Inchieste – J.G. (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]