Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il mistero del barile scomparso. Così i tagli (non) spingono i prezzi
11/03/2017 - Pubblicato in news internazionali

A due mesi dall’applicazione dell’accordo tra i paesi Opec e non-Opec sui tagli alla produzione, il prezzo del Brent è salito del 15 per cento, superando i 55 dollari al barile. Ma attenzione a non farsi ingannare dalle certezze di Riad, ostentate dal Ministro dell’Energia Khalid al-Falih, che prevede ulteriori rincari da qui a fine anno. Gli investimenti nella produzione delle compagnie petrolifere americane sono già ripresi e le stime di Barclays, basate sui dati previsionali, di oltre 200 petrolieri li danno in aumento del 27% quest’anno, rispetto al 2016. Negli Stati Uniti, in particolare, la produzione di greggio ha svoltato secondo l’Energy Information Administration, che per quest’anno prevede i primi aumenti dalla fine del 2014. Le ultime stime dell’Eia danno un incremento della produzione dell’1,3% nel 2017, a 9 milioni di barili al giorno, smentendo la precedente previsione di un calo dello 0.9%. Un ulteriore aumento del 3,3% a 9,3 milioni di barili al giorno è previsto per il 2018, non solo grazie alla ripresa dei prezzi, ma anche alla migliore efficienza delle tecnologie di perforazione. Exxon ha dichiarato recentemente l’intenzione di aumentare di 1 milione di barili al giorno la sua produzione da shale oil, superando la produzione dalle risorse convenzionali. Chevron a sua volta sembra ben avviata verso la stessa direzione. Da qui derivano i dubbi espressi da molti sull’effetto dei tagli previsti dall’accordo fra paesi Opec e non-IOpec, che dovrebbe portare a una riduzione di 1,8 milioni di barili al giorno.

Fonte: Corriere della Sera, l’Economia – Elena Comelli (pag. 56)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]