Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mise, al via riordino direzione upstream
17/11/2015 - Pubblicato in news nazionali

Questo il senso del decreto ministeriale 30 ottobre 2015 con cui il Mise ha avviato la riorganizzazione della direzione per le Risorse minerarie ed energetiche e di quella per la Sicurezza per gli approvvigionamenti, affidando a quest'ultima le funzioni relative al rilascio dei permessi di prospezione, di ricerca e delle concessioni di coltivazione di idrocarburi e di stoccaggio sotterraneo di gas naturale, nonché alla gestione delle relative entrate economiche, e lasciando alla Dgerm le attività di gestione tecnica, controllo, vigilanza e sicurezza anche ambientale delle operazioni. Gilberto Dialuce è stato nominato dirigente generale delegato alle funzioni di regolamentazione riguardanti lo sviluppo economico delle risorse naturali. Con il nuovo incarico Dialuce, che è d.g. per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche del Mise, eserciterà dunque funzioni relative alla definizione di priorità, linee guida, e programmi di sviluppo minerario nazionale; programmazione e autorizzazione delle attività di prospezione, ricerca, coltivazione e stoccaggio delle risorse del sottosuolo, in particolare degli idrocarburi e dei relativi impianti in mare; ufficio unico per gli espropri in materia di energia; royalty; organizzazione e segreteria delle sezioni a) e c) della Cirm. L'incarico ha durata di un anno, e comunque fino all'entrata in vigore delle modifiche al regolamento di organizzazione del Mise.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]