Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mire cinesi sul gas Eni australiano
26/05/2020 - Pubblicato in news internazionali

Arrivano dalla Cina i primi concreti segnali di interesse per gli asset australiani di Eni. Secondo indiscrezioni, tra i pretendenti c’è Roc Oil, quartier generale a Sidney ma azionariato cinese. La decisione rientra nella strategia di dismissione degli asset meno strategici così da far cassa per meglio resistere ai contraccolpi della pandemia, che ha portato il gruppo guidato dall’ad Descalzi a ridurre i capex del 25% per quest’anno. Al portafoglio australiano del gas, la cui produzione è destinata al mercato domestico, è attribuito un controvalore di un miliardo di dollari. Il cane a sei zampe è presente in Australia da 20 anni.

Fonte: MF- Angela Zoppo (pag.17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]

Dalla lotta alle frodi al taglio dei sussidi

Lo chiamano “Pins”, Piano di politica economico-finanziaria per l'Innovazione e la sostenibilità, ed è la new entry annunciata nel Programma nazionale di riforma (Pnr), che servirà a organizzare tutti i piani preesist
[leggi tutto…]