Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Metano autotrazione, l'accordo FCA-Iveco-Snam
06/10/2016 - Pubblicato in news nazionali

Alfredo Altavilla, direttore operativo di FCA Region EMEA, Pierre Lahutte, brand president di IVECO e Marco Alverà, a.d. di Snam hanno firmato oggi al ministero dello Sviluppo Economico alla presenza del ministro Carlo Calenda e del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, un memorandum of understanding finalizzato a favorire lo sviluppo del gas naturale come carburante per autotrazione, nel più ampio scenario della mobilità sostenibile e delle iniziative per la sua promozione. Secondo i termini del memorandum, FCA, IVECO e Snam collaboreranno attivamente per accelerare l'ulteriore sviluppo del metano per autotrazione (CNG – Compressed Natural Gas), "alternativa immediatamente disponibile e più sostenibile rispetto ai carburanti tradizionali, in grado di generare importanti benefici ambientali ed economici per i consumatori, le imprese e la pubblica amministrazione". Secondo gli scenari elaborati da Snam, FCA e Iveco, il raddoppio delle stazioni di servizio a CNG, fino a oltre 2 mila nei prossimi 10 anni in coerenza con la Direttiva DAFI in corso di recepimento sarebbe il principale fattore abilitante per portare il parco circolante CNG fino a oltre 3 milioni di veicoli. Da un punto di vista ambientale, l'alimentazione a metano per automobili, camion e autobus consente una rilevante riduzione delle emissioni inquinanti del parco veicoli che si prevede possano essere sostituiti, stimata in un 40 per cento di CO2 (anidride carbonica) e oltre il 90 per cento di NOx (ossidi di azoto) rispetto alle alimentazioni tradizionali. Il settore del gas naturale per autotrazione ha oggi un fatturato di 1,7 miliardi di euro l'anno e circa 20 mila addetti.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]