Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Il Mef resta primo socio di Enel. Difficili cambi di controllo in cda”
08/03/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali

Dopo l'integrazione con Enel  Green Power il Tesoro, che scenderà al 23,6% di Enel , "resterà di gran lunga il primo azionista, ma non dispone già più della maggioranza in assemblea ordinaria". Lo dice Patrizia Grieco, presidente di Enel , intervista dal Sole 24 Ore, aggiungendo che eventuali ribaltoni nel board "sono tecnicamente possibili, ma li ritengo improbabili. I fondi possono dare, però, segnali importanti sia al management che all'azionista di riferimento, ad esempio sulla composizione delle liste presentate dal socio di maggioranza". "L'integrazione di Egp - prosegue Grieco - è stata approvata in assemblea con una maggioranza del 99,57%. Credo sia stata apprezzata la chiarezza del piano strategico di Enel , che fa perno su due grandi filoni di crescita: le energie rinnovabili e reti sempre più intelligenti. Nell'ambito di questo piano, l'integrazione di Egp, alla quale è destinato il 53% degli investimenti per la crescita del gruppo nei prossimi 5 anni, costituisce un processo del tutto naturale". Grieco sottolinea come "siano stati lungimiranti gli azionisti di Enel  ad accettare di diluirsi attraverso l'integrazione, e se lo hanno fatto approvando l'operazione con una percentuale del 99,57% del capitale presente in assemblea vuol dire che erano convinti che fosse l'operazione giusta". A chi le chiede se esiste il rischio che i fondi possano aggregare i voti su una lista alternativa che potrebbe prendere il controllo del board, il presidente di Enel  risponde che "tecnicamente è possibile ma lo ritengo improbabile, perché' l'attitudine dei fondi è quella di non avere responsabilità di gestione e quindi di presentare liste di minoranza e non di maggioranza. I fondi possono dare però segnali importanti sia al management che all'azionista di riferimento, ad esempio sulla composizione delle liste presentate dal socio di maggioranza. E' già successo in alcune grandi società dove la lista di minoranza ha ottenuto la maggioranza dei voti. I rischi di contendibilità sono poi più che limitati, perché' i fondi, che sono circa 600 nel nostro azionariato, avrebbero difficoltà obiettive ad aggregare tanti azionisti da poter raggiungere un'adesione del 75% del capitale a un'Opa totalitaria".

Fonte:  Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Laura Serafini (pag. 37)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]