Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Materie prime al rialzo, il petrolio resta un rebus
08/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il riscatto delle commodity dopo anni di sofferenza potrebbe essere molto vicino: il 2017 ha fatto registrare un balzo in avanti delle quotazioni  che promette di consolidarsi nei mesi futuri. L’assunto di partenza è che vi è una relazione inversa tra banconota verde e quotazioni di oro e petrolio e laddove il dollaro si deprezza, a un Paese importatore serviranno più dollari per comprare oro o petrolio con il conseguente aumento dei prezzi di questi ultimi. Ma non sempre la storia ha dimostrato la validità di questa “relazione”.  Escludendo il settore energetico, il 2017 si è aperto positivamente per i principali indici delle materie prime. In merito al petrolio, a fronte di una domanda mondiale che non si preannuncia particolarmente brillante, le due incognite da monitorare saranno il livello di produzione Opec e la conseguente reazione dell’offerta dei Paesi non Opec.

Fonte: La Repubblica, Affari&Finanza – Luigi dell’Olio (pag. 48)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]