Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mani legate per l’Opec: manca troppo petrolio, non solo dal Venezuela
09/06/2018 - Pubblicato in news internazionali

L’Arabia Saudita ha promesso di rimpiazzare il petrolio iraniano dopo le sanzioni Usa e la Russia non vede l’ora di estrarre di più. Ma soddisfare il fabbisogno del mercato rischia di non essere facile. E non solo per l’aggravarsi della crisi in Venezuela. Nella coalizione Opec-non Opec, che tra due settimane valuterà una revisione degli accordi produttivi, ci sono altri due Paesi in grave difficoltà: l’Angola, tra i membri dell’Opec, e il Messimo, tra gli alleati esterni. Entrambi hanno ridotto l’output con tagli addirittura tripli rispetto a quelli assegnati perché non riescono a estrarre di più. Difficilmente si schiereranno quindi a favore di un aumento della produzione, andando piuttosto a ingrossare le schiere dei contrari. Per statuto l’Opec può prendere solo decisioni unanimi, ma a questo punto raggiungere il consenso per aprire ufficialmente i rubinetti sembra una sfida ai limiti dell’impossibile. Teheran e Caracas premono infatti perché l’Opec condanni gli Usa, anziché assecondarli, e avrebbe chiesto (invano secondo Reuters) di inserire in agenda a Vienna una mozione “a sostegno dei Paesi membri sotto sanzioni illegali, unilaterali e ed extraterritoriali”

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]