Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Maire Tecnimont, intesa in Azerbaijan
02/02/2018 - Pubblicato in news internazionali

Attraverso le sue controllate Tecnimont e KT-Kinetics Technology, Maire Tecnimont “ritorna” in Azerbaijan. A Baku il top management della società ha firmato ieri con la dirigenza della compagnia petrolifera di Stato Socar un contratto EPC (engineering, procurement, construction) del valore di circa 800 milioni di dollari. Relativo alla costruzione di nuove unità nell’ambito della ricostruzione e la modernizzazione della Heydar Aliyev Baku Oil Refinery, intitolata al padre dell’attuale presidente azero,Ilham Aliyev. L’obiettivo del rilancio della raffineria, spiega Socar, è migliorare la qualità e aumentare il volume della produzione. Come spiega Maire Tecnimont in un comunicato, lo scopo del progetto è aumentare la capacità produttiva della raffineria a 7,5 milioni di tonnellate l’anno, «oltre a garantire i requisiti quantitativi e qualitativi dei prodotti che saranno destinati in parte ad alimentare l’impianto petrolchimico di Azerikimya, in parte a produrre carburanti Euro 5». Il completamento del progetto è previsto per il 2021.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Antonella Scott (pag. 33)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]