Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa A maggio la svolta del petrolio: produzione globale in forte calo
15/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Maggio potrebbe davvero aver segnato una svolta sul mercato del petrolio. La conferma arriva anche dall’Agenzia internazionale per l’energia (Aie), secondo cui la produzione globale di greggio è diminuita il mese scorso di 590mila barili al giorno. Si tratta del primo calo significativo su base annua dall’inizio del 2013, osserva l’organismo dell’Ocse. E non dipende soltanto dalle ormai ben note emergenze, come gli incendi canadesi o i ripetuti attacchi alle infrastrutture petrolifere della Nigeria. La frenata dipende solo dai Paesi non Opec, che in un anno hanno perso 1,3 milioni di barili al giorno. L’Opec al contrario ha estratto 500mila bg in più, al traino di un’eccezionale ripresa dell’Iran, che dopo la revoca delle sanzioni ha riattivato 700mila bg di produzione in meno di sei mesi, salendo a 3,6 mbg.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]