Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Maduro poggia il Petro sul barile
01/02/2018 - Pubblicato in news internazionali

La data fissata per il debutto del Petro, la cripto valuta venezuelana, è il 20 febbraio prossimo. Da quel giorno sarà possibile sottoscrivere questo bitcoin reinventato dal presidente Nicolas Maduro, alle prese con una crisi economica senza precedenti e debiti per 60 miliardi di dollari. Il successore di Hugo Chavez è riuscito persino a dotare di degne credenziali l’iniziativa, bollata come una barzelletta da molte istituzioni finanziarie occidentali, quelle statunitense in testa. Come sottostante, il Petro avrà le riserve certificate di uno dei giacimenti del Delta dell’Orinoco, il blocco 1 di Ayachuco, confinante con Junin, affollato di compagnie petrolifere. Vi operano, infatti, Eni, Cnpc, Total e Statoil, attraverso le imprese miste Petrojunín, Petrourica e Petrocedeño. Secondo la definizione di Maduro, la cripto-valuta sarà «una moneta sovrana, garantita dagli attivi petroliferi, e servirà da piattaforma per la crescita di un sistema finanziario più favorevole allo sviluppo nazionale». Il primo stock di Petro stimato da Maduro in 100 milioni di pezzi, avrebbe un controvalore di oltre 6 miliardi di dollari.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]

Doppia Commessa per Saipem

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari.
[leggi tutto…]