Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Libia tenta il rilancio della produzione del greggio
03/08/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il crollo della produzione petrolifera rappresenta per la Libia un disastro economico che si trascina da almeno tre annui e in cui gli attacchi dell’Isis hanno avuto un impatto, se non marginale, sicuramente minore delle rivalità tra le riottose fazioni che rivendicano il controllo delle risorse energetiche. Per un paese che non è mai riuscito a curare la sua petro-dipendenza (il 96% delle entrate governative e il 95% dell’export deriva dalle vendite del greggio) l’emorragia energetica, unita alla caduta dei prezzi internazionali del barile, ha messo in ginocchio l’economia. Ecco perché l’accordo, firmato venerdì scorso, per riaprire tre importanti terminali petroliferi in Cirenaica (Ras Lanuf, Sidra e Zueitin), controllati da una potente fazione di ribelli, la Petroleum facilities guards (Pfg), ha scatenato l’entusiasmo nei palazzi del potere a Tripoli. Ora la Noc, compagnia petrolifera di Stato, grazie anche alla decisione del Consiglio di presidenza di rilasciare i fondi concordati in bilancio, intende aumentare la produzione “fino ad oltre 900mila bg entro la fine del 2016”.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Roberto Bongiorni (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]