Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Libia stronca il rimbalzo del petrolio
20/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

Ieri il Wti ha ripreso a scendere verso quota 44 dollari/barile. Le quotazioni dell’oro nero con il passare delle ore sono andate in rosso per le notizie sulla crescente produzione in Libia. Si tratta di 885 mila barili al giorno e obiettivo è quello del milione di barili quotidiani entro la fine di luglio. Tripoli è escluso dal piano di tagli alla produzione in atto tra i paesi Opec. L’ultima prova dell’eccesso di greggio sui mercati è arrivata dalla Cina: Sinopec e PetroChina hanno dato il via ad una guerra dei prezzi contro le major stranieri portandoli ai minimi di 21 centesimi di dollari al litro.

Fonte: MF – Antonio Lusardi (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Un pieno di idrogeno

Spinta sull’idrogeno, decisivo a decarbonizzare il mondo
[leggi tutto…]

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]