Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi
22/01/2020 - Pubblicato in news internazionali

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio. Una sfida a tutta la comunità internazionale che vede l’Unione Europea impotente a reagire per la posizione dei francesi troppo filo-Haftar, mentre Stati Uniti e Italia condannano senza mezzi termini le decisioni di Bengasi. La fragile tregua uscita da Berlino potrebbe ora scivolare pericolosamente in scontro aperto per il controllo delle uniche fonti di energia del Paese, greggio e gas. Già alcuni giorni fa Haftar aveva fermato le operazioni di carico di greggio da cinque porti sotto il suo controllo. Bloccato il giacimento di Sharara, il più grande del Paese, e quello di El Feel, dove opera anche l’Eni, che sta subendo per ora perdite contenute perché il grosso della produzione è nel gas che arriva in Italia dal terminal di Zwara attualmente sotto il controllo della milizia locale legata ad Al-Sarraj. Ma se il blocco dovesse continuare la produzione potrebbe calare a 72 mila barili al giorno dagli oltre 1,2 milioni.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Gerardo Pelosi (pag. 20)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]