Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Libia, Noc e Bpmc rassicurano sui rifornimenti. Danni al serbatoio di Tariq el-Matar. Riunione d'urgenza domenica tra le due società
04/09/2018 - Pubblicato in news internazionali

National Oil Corporation (Noc) di Tripoli e Brega Petroleum Marketing Co (Bpmc) rassicurano la disponibilità di carburante, nonostante i violenti scontri verificatisi negli ultimi giorni a Tripoli. È quanto si legge in un comunicato diramato dalla società. Nel corso di una riunione d'urgenza tenutasi domenica è stato discusso un piano di emergenza per la fornitura di carburante. A presiedere, il presidente del cda di Noc, Mustafa Sanalla insieme ai membri del comitato congiunto di gestione delle crisi di Noc e Bpmc. Il comitato include anche il presidente del comitato di gestione Bpmc, Imad Benkoura. Sanalla ha confermato che Noc continuerà a fornire tutto il supporto necessario a Bpmc per garantire operazioni stabili di approvvigionamento di carburante a tutti i siti e le stazioni durante questo periodo eccezionale. Benkoura ha affermato che la società sta facendo tutto il necessario per fornire carburante a tutte le stazioni e con tutti i mezzi a sua disposizione. Ha aggiunto che i piani alternativi erano stati preparati in anticipo per garantire la continuità della consegna del carburante, tenendo conto di altre contingenze. L'incontro ha anche valutato il danno causato dagli scontri vicino al serbatoio di stoccaggio Tariq el-Matar e ha discusso le possibili soluzioni in caso di scontri continui. Sanalla ha incaricato i dipartimenti necessari di adottare tutte le misure necessarie per garantire la fornitura di carburante a tutti i siti.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]