Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Libia, Noc e Bpmc rassicurano sui rifornimenti. Danni al serbatoio di Tariq el-Matar. Riunione d'urgenza domenica tra le due società
04/09/2018 - Pubblicato in news internazionali

National Oil Corporation (Noc) di Tripoli e Brega Petroleum Marketing Co (Bpmc) rassicurano la disponibilità di carburante, nonostante i violenti scontri verificatisi negli ultimi giorni a Tripoli. È quanto si legge in un comunicato diramato dalla società. Nel corso di una riunione d'urgenza tenutasi domenica è stato discusso un piano di emergenza per la fornitura di carburante. A presiedere, il presidente del cda di Noc, Mustafa Sanalla insieme ai membri del comitato congiunto di gestione delle crisi di Noc e Bpmc. Il comitato include anche il presidente del comitato di gestione Bpmc, Imad Benkoura. Sanalla ha confermato che Noc continuerà a fornire tutto il supporto necessario a Bpmc per garantire operazioni stabili di approvvigionamento di carburante a tutti i siti e le stazioni durante questo periodo eccezionale. Benkoura ha affermato che la società sta facendo tutto il necessario per fornire carburante a tutte le stazioni e con tutti i mezzi a sua disposizione. Ha aggiunto che i piani alternativi erano stati preparati in anticipo per garantire la continuità della consegna del carburante, tenendo conto di altre contingenze. L'incontro ha anche valutato il danno causato dagli scontri vicino al serbatoio di stoccaggio Tariq el-Matar e ha discusso le possibili soluzioni in caso di scontri continui. Sanalla ha incaricato i dipartimenti necessari di adottare tutte le misure necessarie per garantire la fornitura di carburante a tutti i siti.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]