Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Libia frena ma Eni raddoppia
03/04/2019 - Pubblicato in news internazionali

La morsa dei ribelli sui giacimenti comincia a presentare il conto alla Noc, la compagnia petrolifera di Stato della Libia. Gli ultimi dati disponibili (risalenti a febbraio) hanno fatto registrare un calo di 330 milioni di dollari; gli incassi si sono fermati a 1,26 miliardi di dollari. La frenata è dovuta al fermo del giacimento di Sharara, operato da Repsol e riaperto solo il 4 marzo, che ha fatto mancare all’appello 260mila barili al giorno. Nelle ultime settimane però la produzione di greggio è tornata ad aumentare, riportandosi a 900mila barili al giorno, verso quota 1,2 milioni. In questo scenario, Eni ha firmato due nuovi accordi con Noc per aumentare la produzione di gas e rafforzare le misure di sicurezza a protezione degli impianti. Secondo il primo memorandum Eni e Noc formeranno un comitato direttivo per accelerare la produzione di gas nel bacino marino di Sabratha dove c’è la piattaforma offshore. L’obiettivo è arrivare ad una capacità di 21.5 milioni di metri cubi al giorno. Il secondo memorandum riguarda invece il rafforzamento del personale di sicurezza.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag.14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Grigio, blu o verde. I conti in tasca all’idrogeno arcobaleno

Pronti, via, anche l’Italia entra ufficialmente nella partita dell’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas Intensive, "la battaglia sullo spread di prezzo è alla fase decisiva"

Intervista a Paolo Culicchi, voce storica dell'industria manifatturiera e energy intensive italiana e presidente del consorzio dei grandi consumatori di gas Gas Intensive
[leggi tutto…]

L’industria del gas taglia le emissioni di metano

La direzione è stata messa nero su bianco nella Strategia Ue presentata a ottobre che fissala road map per ridurre le emissioni di metano sia nel Vecchio Continente che a livello internazionale
[leggi tutto…]