Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Libia & C., l’autunno caldo di Eni
05/09/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Nei numeri di Eni in Nord Africa, schizzati ad agosto scorso a quasi 800 mila barili al giorno, c’è una sorpresa: il sorpasso dell’Egitto sulla Libia, una buona notizia per il gruppo. In termini di produzione, grazie soprattutto all’avvio lampo e alla crescita esponenziale del giacimento super giant di Zohr, i barili egiziani sono ormai 320 mila al giorno. La produzione registrata dall’inizio del 2018 in Libia è scesa a una media di 300 mila barili. In termini percentuali siamo ancora vicino al 20% della produzione complessiva dell’Eni, ma scorrendo i documenti finanziari del gruppo si scopre che il peso della Libia è destinato a scendere nel medio termine, se non altro perché continueranno a crescere i contributi di altri Paesi, come l’Egitto.

Fonte: MF, Mercati – Angela Zoppo (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]