Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Libia & C., l’autunno caldo di Eni
05/09/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Nei numeri di Eni in Nord Africa, schizzati ad agosto scorso a quasi 800 mila barili al giorno, c’è una sorpresa: il sorpasso dell’Egitto sulla Libia, una buona notizia per il gruppo. In termini di produzione, grazie soprattutto all’avvio lampo e alla crescita esponenziale del giacimento super giant di Zohr, i barili egiziani sono ormai 320 mila al giorno. La produzione registrata dall’inizio del 2018 in Libia è scesa a una media di 300 mila barili. In termini percentuali siamo ancora vicino al 20% della produzione complessiva dell’Eni, ma scorrendo i documenti finanziari del gruppo si scopre che il peso della Libia è destinato a scendere nel medio termine, se non altro perché continueranno a crescere i contributi di altri Paesi, come l’Egitto.

Fonte: MF, Mercati – Angela Zoppo (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]