Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il lento declino del carbone Cina e Usa lo riducono gas e vento più convenienti
19/10/2015 - Pubblicato in news internazionali

La Cina l'ha innalzato nel giro di un decennio al rango di "King Coal", il combustìbile più utilizzato al mondo nella produzione di energia. Con un picco toccato nel 2011, quando il carbone con il suo utilizzo è arrivato a coprire il 55 per cento dell'offerta globale di elettricità. E sempre dalla Cina è arrivata la battuta di arresto che ha fatto precipitare il prezzo della materia prima, con tutta la sua scia di fallimenti, chiusure di miniere e crollo dei titoli in Borsa dei grandi colossi delle commodities. E sempre dalla Cina sono arrivate una serie di misure per il rispetto dell'ambiente che avranno il momento di massima esposizione mediatica con il prossimo vertice sul dima organizzato a Parigi dalle Nazione Unite a fine novembre. Con il più che probabile annuncio da parte dei Grandi della terra per la limitazione delle emissioni di Co2, con il carbone che sarà indicato come il colpevole numero uno. Intendiamoci: ci vorrà ancora tempo prima che venga piantato l'ultimo chiodo sulla bara del minerale che più di altri è sinonimo di rivoluzione industriale. Ma gli esperti sottolineano come sarà sempre più difficile invertire la rotta. Una discesa iniziata proprio nel paese suo massimo utilizzatore. Da inizio 2015, la Cina ha ridotto le importazioni del 37%. Ma, fatto ancora più significativo, ha ridotto pure la produzione interna, calata complessivamente del 6%. Nonostante ciò, rimane di gran lunga il primo produttore nonché aprile- per la prima volta dal 1973 consumatore al mondo di carbone, visto che garantisce ancora il 65% dei consumi elettrici. Negli stessi mesi in cui Pechino toglieva il piede dall'acceleratore, negli Stati Uniti il presidente Barack Obama ha innestato la retromarcia. Il suo "Clear Power Pian" prevede che il paese riduca entro il 2030 le emissioni di Co2 del 32% rispetto ai valori del 2005. E poco importa se gli esperti fanno notare come l'anno non sia stato scelto a caso, poco prima che iniziasse la rivoluzione dello shale gas che ha contribuito non poco ad abbassare le emissioni negli anni successivi. Così, nello scorso mese di gli Usa hanno prodotto più energia dal gas rispetto al carbone, per quanto il mese successivo "King Coal" si sia assise nuovamente al primo posto del podio. Ma non durerà: il declino, iniziato a partire dal 2007, non si ferma. In quella data, il carbone copriva oltre la metà del fabbisogno complessivo di energia, mentre alla fine del 2015 la quota sarà scesa al 36%, dal 39% di dodici mesi fa. Il problema, per i proprietari delle miniere, è che Cina e Stati Uniti messi insieme consumano più carbone del resto del mondo. Inevitabile, pertanto la caduta dei prezzi: il carbone "termico"  sui mercati europei è ormai scambiato ai minimi degli ultimi 11 anni, in calo di quasi il 15 per cento da inizio 2015: viene pagato sui 55 dollari la tonnellata, quando nel 2011 era a 130 dollari e nel 2008 si era spinto oltre i 200 dollari. Lo stesso vale per il carbone "coke" utilizzato negli impianti siderurgici: dai 330 dollari del 2011 ora siamo scesi attorno ai 90 dollari.

Fonte: La Repubblica, A&F – Luca Pagni (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam, il core business spinge utile e marginalità

Sfruttando la positiva performance del business del trasporto gas e il mix di efficientamento della gestione operativa e ottimizzazione della struttura finanziaria, Snam ha i principali indicatori in crescita e con una netta accelerazione
[leggi tutto…]

Ruolo del gas cruciale per ridurre lo spread di prezzo con l’Europa

La transizione verso un’economia a ridotte emissioni è un’opportunità enorme per l’Italia a patto che il governo valorizzi il primato nazionale nell’uso del gas
[leggi tutto…]

Il Pniec alla prova della sostenibilità: le audizioni di Cib e Assocarta

Ieri si sono svolte in commissione Attività produttive le audizioni di Cib e Assocarta sul Pniec.
[leggi tutto…]