Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Italia, tagliata fuori dalle rotte del gas, perde la partita
24/03/2019 - Pubblicato in news nazionali

L’Italia sembra aver già perso l’opportunità di diventare hub del gas. La questione Tap, ricevuto il benestare del Governo gialloverde, porterà alla conclusione dell’opera ma non basterà a trasformare la penisola in un importante crocevia delle rotte energetiche. Intanto in Europa si stanno giocando altre partite da cui siamo già stati tagliati fuori: dal raddoppio del Nord Stream, al gasdotto Turkstream fino alle infrastrutture per l’esportazione del gas nel Mar Mediterraneo Orientale. La Germania invece, risulta essere la vincitrice. Le politiche di Berlino rischiano di costarci già da quest’ano un aggravio di mezzo miliardo di euro sulla bolletta energetica. La partita nel Mediterraneo Orientale è forse l’unica in cui l’Italia ha ancora la possibilità di farsi valere, anche solo per il ruolo ricoperto da Eni nell’area dopo la scoperta del supergiacimento Zohr in Egitto. Tuttavia, anche dal progetto EastMed, il nostro Paese si sta defilando.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag.9)

 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Emissioni, meglio tassarle alle frontiere

Per raggiungere gli obiettivi ambiziosi che servono a fronteggiare l’emergenza climatica, uno dei rimedi suggeriti dalla Presidente della Commissione europea, von der Lyen, è quello di tassare le emissioni per incentivare i produttori
[leggi tutto…]

“Il governo riapra il tavolo con le imprese per l’energia”

Noi imprenditori non siamo contro la decarbonizzazione. Anche le aziende energivore pensano che la sfida della transizione ambientale possa essere un’opportunità di crescita, ma vogliamo poter competere alla pari con gli altri Paes
[leggi tutto…]

La trazione al gas delle aziende energivore necessita d’incentivi

Il gruppo tecnico energia di Confindustria si prepara a riaprire il tavolo di confronto con il Governo. L’obiettivo è di trovare un confronto con il Ministro dello sviluppo economico Patuanelli già entro la fine dell’anno
[leggi tutto…]