Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Italia seduta su un tesoro che non sfrutta
14/03/2018 - Pubblicato in news nazionali

Se anche l’attività di introspezione e ricerca, sbloccata dalle sentenze del Consiglio di Stato, porterà a risultati positivi, segnalando l’esistenza di un potenziale di idrocarburi al di sotto del fondale marino, ci vorrà comunque del tempo per arrivare all’eventuale messa in produzione, non meno di 5-8 anni. Quel che è certo, però, è che il disco verde della giustizia amministrativa consentirà di far partire le attività propedeutiche alla ricerca e alla produzione di idrocarburi in un paese come l’Italia che, dati alla mano, non ne è affatto privo. Se si escludono Norvegia e Gran Bretagna, l’Italia risulta il primo paese per riserve di “oro nero” con 225 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio, mentre sul fronte del gas vanta un ottimo quarto posto con riserve per 115 miliardi di metri cubi. Tuttavia l’Italia è tra i paesi industrializzati con la maggiore dipendenza dall’estero per le importazioni di energia. Colpa di procedimenti autorizzativi che vanno avanti per 9-10 anni, raggiungendo tempi che sono praticamente il doppio di quelli esistenti in giro per il Vecchio Continente.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa&Territori – Celestina Dominelli (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]