Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Italia pronta all’intervento in Libia “Guai a chi tocca il gasdotto dell’Eni”
19/01/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

A causa di una serie di contrasti sorti durante la riunione che si è svolta a Tunisi sulla composizione dell’esecutivo e sul numero dei ministri. sono circa 10mila i soldati dell’Isis presenti in Libia. Nelle ultime settimane, l’Isis ha concentrato i propri attacchi sui principali terminal petroliferi della Libia. Nei giorni scorsi erano trapelate voci di un attacco alle installazioni dell’Eni smentite ieri dall’ad Claudio Descalzi, che ha parlato di scontri tra persone della stessa milizia al di fuori di Melitha. In questo contesto, il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni aveva detto che l’Italia è pronta a collaborare in eventuali operazioni militari in Libia, se richiesto.

Fonte: Libero

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rivede lo scenario e annuncia rettifiche per 3,5 miliardi

Eni conferma la propria strategia di decarbonizzazione al 2050, ma dopo l’aggiornamento di fine marzo, rivede ulteriormente le proprie stime alla luce dell’emergenza coronavirus
[leggi tutto…]

Snam, sprint su rete e progetti

Se c’è un dato che più di altri racconta il potenziale di Snam sul fronte dell’idrogeno è che il 70% dei suoi metanodotti è realizzato con tubi pronti ad accoglierne il passaggio. Non a caso, ad aprile 2019, la soci
[leggi tutto…]

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]