Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa In Italia più consumi di metano che di petrolio
28/06/2017 - Pubblicato in news nazionali

Nel 2016 per la prima volta nella storia d’Italia il gas naturale ha superato il petrolio diventando la prima fonte di energia. Lo dicono i numeri dell’Unione Petrolifera. Il metano l’anno scorso ha rappresentato il 34,4% della domanda contro il 34,2% del greggio; con un aumento di circa il 3,4% miliardi di metri cubi (+5%) sul 2015, i consumi di gas sono tornati a sfiorare i 71 miliardi. Invece i consumi di prodotti derivati dal petrolio, dopo un forte rimbalzo del 4,1% del 2015, hanno segnato un calo dello 9,9% a 59,4 milioni di tonnellate. Grazie a questo, ma soprattutto grazie alla discesa del prezzo del barile, la fattura petrolifera nazionale nel 2916 si è ridotta a 4 miliardi, scendendo nel 2016 a 12,5 miliardi di euro, un record negativo. Questo però non durerà in eterno e già nel 2017 l’Unione Petrolifera si attende un lieve aumento del prezzo del greggio, atteso a una media di 50 dollari a barile nell’arco dell’intero anno. L’Up lancia anche l’allarme contro l’illegalità nella distribuzione di carburanti. Che si è tradotta per lo Stato nel mancato introito di 2 miliardi per Iva e accise.

Fonte: La Stampa, Economia – R.E. (pag. 18)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]