Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Italia “Ora gas e greggio ci sono. Prendiamoli”
05/12/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali

La tendenza è mondiale e la convivenza tra fonti green e quelle fossili è destinata a durare a lungo. Se nel 2030 il 21% del fabbisogno sarà prodotto da energia pulita, come predicono le stime dell’International Renewable Energy agency, il restante 79% sarà ancora prodotto con fonti tradizionali. La questione non è solo legata alla consapevolezza ecologica dei Paesi ma anche alla sicurezza energetica: l’opportunità che lo sviluppo possa passare attraverso la possibilità di avere energia a buon mercato nel rispetto dell’ambiente e senza interruzioni. Un tema al centro di uno studio condotto da Aspen Institute Italia, con il contributo di Shell Italia. E’ la fotografia della situazione attuale a mettere in luce i nodi ancora da sciogliere, con l’Europa che importa il 30% di energia e il 60% del mix energetico si basa sugli idrocarburi. E per l’Italia l’importazione di energia è ancora più alta, raggiungendo il 90% del gas e del petrolio utilizzato. Ora il governo sta lavorando alla nuova strategia energetica nazionale (Sen) e il ministro Calenda ha dichiarato più volte che si tratta di una priorità assoluta.

Fonte: Corriere della Sera, Corriere Economia – Francesca Basso (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sale a 100 miliardi il fondo per finanziare il Green new deal

Doveva essere approvato l’11 dicembre prossimo, ma dopo l’annuncio della nuova presidente della Commissione Europea, von der Leyen che, invece dei 35 iniziali, punta a mobilitare 100 miliardi di euro per finanziare la transizione verso un&rsqu
[leggi tutto…]

Gas: a novembre frenano le centrali, industria ancora in caduta

Consumi di gas italiani in calo a novembre per una flessione a doppia cifra del termoelettrico, la prima riduzione da nove mesi in questo settore di consumo, e un nuovo forte calo dell'industria che hanno compensato la ripresa della domanda per risca
[leggi tutto…]

Il gas russo apre la via per la Cina: l’Europa non è più l’unico mercato

Per la prima volta un gasdotto russo punta in direzione opposta all’Europa
[leggi tutto…]