Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Italia “Ora gas e greggio ci sono. Prendiamoli”
05/12/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali

La tendenza è mondiale e la convivenza tra fonti green e quelle fossili è destinata a durare a lungo. Se nel 2030 il 21% del fabbisogno sarà prodotto da energia pulita, come predicono le stime dell’International Renewable Energy agency, il restante 79% sarà ancora prodotto con fonti tradizionali. La questione non è solo legata alla consapevolezza ecologica dei Paesi ma anche alla sicurezza energetica: l’opportunità che lo sviluppo possa passare attraverso la possibilità di avere energia a buon mercato nel rispetto dell’ambiente e senza interruzioni. Un tema al centro di uno studio condotto da Aspen Institute Italia, con il contributo di Shell Italia. E’ la fotografia della situazione attuale a mettere in luce i nodi ancora da sciogliere, con l’Europa che importa il 30% di energia e il 60% del mix energetico si basa sugli idrocarburi. E per l’Italia l’importazione di energia è ancora più alta, raggiungendo il 90% del gas e del petrolio utilizzato. Ora il governo sta lavorando alla nuova strategia energetica nazionale (Sen) e il ministro Calenda ha dichiarato più volte che si tratta di una priorità assoluta.

Fonte: Corriere della Sera, Corriere Economia – Francesca Basso (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]