Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Italia cuore della ricerca”
30/01/2017 - Pubblicato in news nazionali

In un’intervista a Claudio Descalzi, amministratore delegato di Eni, ne è uscito come il periodo attuale non sia minimamente paragonabile ai precedenti quando si parla di prezzo del barile. Ad oggi si parla di global warming, di Conferenza di Parigi, del mancato intervento dell’Opec. A fine anno il prezzo del barile dovrebbe assestarsi intorno ai 55 dollari. Eni sta lavorando ad un piano d’azione per far fronte al “climate change”. Eni non vuole fare da competitor a Enel, perché il core business di Eni è gas e petrolio. Eni non è preoccupata dal programma annunciato da Trump control la corrente della “green economy” portata avanti da Obama. La politica economica statunitense avrà impatto soprattutto negli Stati Uniti. Nell’intervista si parla anche di Italia. Eni all’interno del paese ha superato egregiamente lo stress test degli ultimi tre anni. C’è stato un cambio nell’organizzazione e un abbassamento nei costi di struttura da 2.2 a 1.4 miliardi annui. In Italia c’è il 60% del personale Eni, 58 raffinerie, 8 stabilimenti chimici, 6 centrali elettriche e più di 100 piattaforme. L’Italia è la sede di un know-how importantissimo.

Fonte: Corriere Economia – Stefano Agnoli (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Il governo riapra il tavolo con le imprese per l’energia”

Noi imprenditori non siamo contro la decarbonizzazione. Anche le aziende energivore pensano che la sfida della transizione ambientale possa essere un’opportunità di crescita, ma vogliamo poter competere alla pari con gli altri Paes
[leggi tutto…]

La trazione al gas delle aziende energivore necessita d’incentivi

Il gruppo tecnico energia di Confindustria si prepara a riaprire il tavolo di confronto con il Governo. L’obiettivo è di trovare un confronto con il Ministro dello sviluppo economico Patuanelli già entro la fine dell’anno
[leggi tutto…]

Sale a 100 miliardi il fondo per finanziare il Green new deal

Doveva essere approvato l’11 dicembre prossimo, ma dopo l’annuncio della nuova presidente della Commissione Europea, von der Leyen che, invece dei 35 iniziali, punta a mobilitare 100 miliardi di euro per finanziare la transizione verso un&rsqu
[leggi tutto…]