Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Italgas pronta ad aprire il dossier Gas Natutale
25/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

Italgas è pronta a entrare nella partita sulla vendita degli asset italiani di Gas Natural Fenosa. Paolo Gallo, numero uno della società, indica una delle possibili mosse future in occasione della diffusione dei risultati 2016, i primi approvati dopo la separazione da Snam e il contestuale ritorno a Piazza Affari. Dove ieri il titolo ha chiuso in rialzo del 3,3%, a 4,08 euro, riportandosi sopra il prezzo di collocamento dello scorso novembre (3,99euro). «È evidente che parteciperemo alla gara se Gas Natural Fenosa deciderà di vendere e lo faremo con determinazione - spiega Gallo. Per ora abbiamo appreso dell’operazione dai giornali ed è chiaro che siamo interessati». La società, dunque, resta alla finestra e si prepara, da un lato, a implementare la riorganizzazione aziendale partita agli inizi di febbraio con l’obiettivo «di creare una società più efficiente e più presente sul territorio», precisa Gallo, e, dall’altro, si accinge a presentare, tra fine maggio e inizio giugno, un nuovo piano industriale 2017-2023 in cui fornirà una guidance più chiara sui dividendi. «In occasione del capital market day, a Londra, di fine ottobre - prosegue Gallo – avevamo indicato una cedola di 20 cent per il 2016 e annunciato una politica di dividendi sostenibile nel medio periodo con un aumento annuo low single-digit, nell’ordine del 3%, nel 2017-2018. Daremo ora una guidance più chiara e coerente con l’orizzonte del nuovo piano». Che guarderà al 2023 perché, come spiega l’ad, «nel nostro cronoprogramma, abbiamo previsto che il completamento delle gare gas sarà nel 2021 e dunque quella deadline ci consente di includere appieno gli effetti che si dispiegheranno a valle delle stesse».

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e Mercati – Celestina Dominelli (pag.26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]