Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Italgas indipendente da Snam può vincere più concessioni”
17/10/2016 - Pubblicato in news nazionali

Dal punto di vista societario la storia di Italgas è stata poco lineare, e dopo il 2000 c’è stato un ribaltone dietro l’altro. Nel 2003 la Italgas è stata ritirata dalla Borsa, nel 20089 Eni l’ha ceduta alla Snam, e nel novembre 2016 la stessa Snam uscirà quasi del tutto da Italgas tornando a quotarla in Borsa. Secondo Paolo Gallo, amministratore delegato di Italgas, i cambiamenti di rotta sono dovuti non solo alla liberalizzazione ma anche alla continua evoluzione del mercato del gas. Snam e Italgas – prosegue Gallo – hanno prospettive diverse: la prospettiva di Snam è europea mentre quella di Italgas è nazionale e locale. Snam vuol diventare il soggetto di una grande aggregazione europea del trasporto del gas sulle lunghe distanze. Anche Italgas vuol diventare un aggregatore, ma su un’altra scala. In Italia esistono 220 operatori nella distribuzione del metano. Un numero così alto è un’anomalia in Europa. Nel nostro paese ci sarà un consolidamento, e Italgas ne sarà protagonista. L’occasione del consolidamento verrà dalle gare imminenti per i 177 ambiti territoriali in cui sono stati raggruppati i territori degli 8 mila comuni italiani.

Fonte: La Stampa, Tutto soldi – Luigi Grassia (pag. 20)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]