Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Italgas dovrà crescere a colpi di concessioni
26/10/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali

Dopo la presentazione di lunedì 24, analisti al lavoro su Italgas che si appresta al ritorno in borsa dopo 13 anni di assenza attraverso un’operazione di spin off della controllante Snam. Kepler Cheuvreux (target price a 4,5 euro) stima per quest’anno ricavi per 1,406 miliardi, ebitda di 651 milioni con un margine al 62,3%, una leva finanziaria con un ebit/rab al 6,5% e un debito netto di 3,738 miliardi. La società prevede di riservare 1,3 miliardi a nuove acquisizioni e destinare 0,9 miliardi di euro al rinnovo delle concessioni, con effetti visibili dopo il 2020. La realizzazione degli obiettivi consentirebbe all’azienda di portare la quota di mercato dal 30 al 40% prospettando, secondo Equita, una rab (regulatory asset base) a 7,2 miliardi al 2021, con cagr del 4,7%. Quanto ai dividendi, si attendono maggiori dettagli tra sei mesi ma Italgas prevede per quest’anno una distribuzione di 0,2 euro per azione, con una crescita a bassa singola cifra nel prossimo biennio. Equita si è definita «conservativa» sulle stime su Italgas e ha prospettato per l’azionista Snam (prezzo obiettivo a 5,3 euro) una crescita del dividendo 2017-2018 di poco superiore al 2,1% stimato.

Fonte: MF – Nicola Carosielli (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]