Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Italgas cresce senza aspettare le gare”
06/11/2017 - Pubblicato in news nazionali

A prima vista potrebbero sembrare operazioni di piccolo cabotaggio. Due acquisizioni che poco spostano gli equilibri nel settore della distribuzione locale del gas. Invece, nella lettura che ne danno gli addetti ai lavori è diversa: sono i sassolini che lasciati correre lungo il pendio possono provocare una frana. E cambiare il panorama. A muovere lo scenario è il gruppo Italgas. Nell’ultimo mese ha prima rilevato Enerco Distribution (il 19 ottobre): per un enterprise value pari a 51 milioni, si è assicurata 27 concessioni in provincia di Padova e Vicenza, con oltre 800 chilometri di condotte e circa 30 mila utenze. La scorsa settimana è stata la volta di Amalfitana Gas, 12 concessioni per un totale di oltre 22mila utenze servite e oltre 300 chilometri di rete. In questo caso, la valorizzazione è stata stabilita in 18,5 milioni. Di operazioni di questo tipo se ne vedranno molte nei prossimi mesi. Anche di dimensioni più grandi. Lo dimostra la gara appena aggiudicata per gli asset di Gas Natural. Perché il settore della distribuzione locale del gas è in pieno fermento e sta evolvendo verso il livello medio di concentrazione che si trova nel resto d’Europa.  

Fonte: La Repubblica, Affari & Finanza – Luigi Pagni (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]