Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Italgas cresce senza aspettare le gare”
06/11/2017 - Pubblicato in news nazionali

A prima vista potrebbero sembrare operazioni di piccolo cabotaggio. Due acquisizioni che poco spostano gli equilibri nel settore della distribuzione locale del gas. Invece, nella lettura che ne danno gli addetti ai lavori è diversa: sono i sassolini che lasciati correre lungo il pendio possono provocare una frana. E cambiare il panorama. A muovere lo scenario è il gruppo Italgas. Nell’ultimo mese ha prima rilevato Enerco Distribution (il 19 ottobre): per un enterprise value pari a 51 milioni, si è assicurata 27 concessioni in provincia di Padova e Vicenza, con oltre 800 chilometri di condotte e circa 30 mila utenze. La scorsa settimana è stata la volta di Amalfitana Gas, 12 concessioni per un totale di oltre 22mila utenze servite e oltre 300 chilometri di rete. In questo caso, la valorizzazione è stata stabilita in 18,5 milioni. Di operazioni di questo tipo se ne vedranno molte nei prossimi mesi. Anche di dimensioni più grandi. Lo dimostra la gara appena aggiudicata per gli asset di Gas Natural. Perché il settore della distribuzione locale del gas è in pieno fermento e sta evolvendo verso il livello medio di concentrazione che si trova nel resto d’Europa.  

Fonte: La Repubblica, Affari & Finanza – Luigi Pagni (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre

La combinazione delle misure di confinamento per la pandemia e di condizioni meteorologiche insolitamente buone ha determinato un'estrema volatilità nel primo trimestre 2020 sui mercati europei dell'energia
[leggi tutto…]

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]