Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Italgas cresce senza aspettare le gare”
06/11/2017 - Pubblicato in news nazionali

A prima vista potrebbero sembrare operazioni di piccolo cabotaggio. Due acquisizioni che poco spostano gli equilibri nel settore della distribuzione locale del gas. Invece, nella lettura che ne danno gli addetti ai lavori è diversa: sono i sassolini che lasciati correre lungo il pendio possono provocare una frana. E cambiare il panorama. A muovere lo scenario è il gruppo Italgas. Nell’ultimo mese ha prima rilevato Enerco Distribution (il 19 ottobre): per un enterprise value pari a 51 milioni, si è assicurata 27 concessioni in provincia di Padova e Vicenza, con oltre 800 chilometri di condotte e circa 30 mila utenze. La scorsa settimana è stata la volta di Amalfitana Gas, 12 concessioni per un totale di oltre 22mila utenze servite e oltre 300 chilometri di rete. In questo caso, la valorizzazione è stata stabilita in 18,5 milioni. Di operazioni di questo tipo se ne vedranno molte nei prossimi mesi. Anche di dimensioni più grandi. Lo dimostra la gara appena aggiudicata per gli asset di Gas Natural. Perché il settore della distribuzione locale del gas è in pieno fermento e sta evolvendo verso il livello medio di concentrazione che si trova nel resto d’Europa.  

Fonte: La Repubblica, Affari & Finanza – Luigi Pagni (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]