Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Italgas cresce senza aspettare le gare”
06/11/2017 - Pubblicato in news nazionali

A prima vista potrebbero sembrare operazioni di piccolo cabotaggio. Due acquisizioni che poco spostano gli equilibri nel settore della distribuzione locale del gas. Invece, nella lettura che ne danno gli addetti ai lavori è diversa: sono i sassolini che lasciati correre lungo il pendio possono provocare una frana. E cambiare il panorama. A muovere lo scenario è il gruppo Italgas. Nell’ultimo mese ha prima rilevato Enerco Distribution (il 19 ottobre): per un enterprise value pari a 51 milioni, si è assicurata 27 concessioni in provincia di Padova e Vicenza, con oltre 800 chilometri di condotte e circa 30 mila utenze. La scorsa settimana è stata la volta di Amalfitana Gas, 12 concessioni per un totale di oltre 22mila utenze servite e oltre 300 chilometri di rete. In questo caso, la valorizzazione è stata stabilita in 18,5 milioni. Di operazioni di questo tipo se ne vedranno molte nei prossimi mesi. Anche di dimensioni più grandi. Lo dimostra la gara appena aggiudicata per gli asset di Gas Natural. Perché il settore della distribuzione locale del gas è in pieno fermento e sta evolvendo verso il livello medio di concentrazione che si trova nel resto d’Europa.  

Fonte: La Repubblica, Affari & Finanza – Luigi Pagni (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]