Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Israele- Italia, via al gasdotto che cambia i rapporti di forza
26/11/2018 - Pubblicato in news internazionali

L’intesa tra Italia e Israele sul gasdotto EastMed non solo è stata raggiunta ma “servirà anche a contenere l’influenza araba in Europa”, assicura  il ministro israeliano per l’Energia. Oltre i 2 mila km di tubi che verranno posati nel Mediterraneo non viaggia infatti solo gas naturale, si muovono anche gli equilibri geostrategici e le sfide tra nazioni. Il gasdotto sarà la conduttura sottomarina più lunga al mondo e dovrebbe costare intorno ai 7 miliardi di dollari; la Commissione europea ha già speso 100 milioni di euro in studi di fattibilità. Il gas estratto dai giacimenti israeliani e ciprioti partirà dalle acque attorno a Cipro, passerà per l’isola di Creta, l’entroterra greco, per poi approdare al largo di Otranto, in Puglia. Per l’Italia, la firma era stata messa nel 2017 dall’allora ministro Calenda; il gasdotto potrà cambiare i rapporti dell’Europa – Italia compresa – con il Medio Oriente e la Russia di Putin.

Fonte: Corriere della Sera – Davide Frattini (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]