Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Iran vicino a deal milionario con Total
08/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

La francese Total si candida a battere sul tempo le altre compagnie petrolifere europee nel rientro in Iran dopo la fine delle sanzioni. La major spera di firmare «nei prossimi giorni» un accordo con Teheran per partecipare allo sviluppo di South Pars, il giacimento di gas più grande del mondo, potenzialmente in grado di soddisfare l’intero fabbisogno europeo. Il ceo Patrick Pouyanné ha corretto il tiro rispetto all’annuncio degli iraniani, secondo cui la firma era prevista per oggi. Ma non ha negato di essere vicino al traguardo: «Le discussioni stanno andando avanti - ha dichiarato a Cnn Money - vedremo se riusciremo a firmare nei prossimi giorni». Pouyanné ha anche ridimensionato le cifre che erano circolate in precedenza: «Siamo più attorno a 2 miliardi di dollari, anziché 6 miliardi». Resta il fatto che un accordo avrebbe un grande valore non solo economico, ma anche e soprattutto politico. Perché potrebbe fare da apripista al ritorno di altre compagnie europee, a cominciare dall’Eni, fortemente interessate alla ricchezza delle risorse di petrolio e gas dell’Iran, che sono tra più grandi del mondo, ma ancora esitanti di fronte al quadro regolatorio non ancora del tutto definito.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e Mercati – Sissi Bellomo (pag. 35)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]