Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Iran vende petrolio a Saras e Iplom
12/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Secondo quanto ha riferito l’agenzia governativa Irna, il governo di Teheran ha firmato una serie di accordi commerciali per la vendita di petrolio a compagnie in Italia, Grecia e Spagna. La notizia è arrivata direttamente dal responsabile per gli affari internazionali della compagnia petrolifera nazionale iraniana: gli acquirenti sono la spagnola Repsol, la greca Hellenic Petroleum e per l’Italia le società Saras e Iplom. Non sono state comunicate le quantità di greggio acquistate. Anche se l’Europa rimane un interlocutore commerciale importante per le esportazioni iraniane, il Vecchio Continente deve ormai rassegnarsi a svolgere un ruolo secondario: al primo posto si è insediata l’Asia, grazie agli acquisti dei grandi colossi come Cina, India, Corea del Sud ed il Giappone. Il ritorno dell’Iran nel campo dell’economia europea è sostenuta anche da Bruxelles, come ha spiegato Federica Mogherini, l’Alta rappresentante della Ue per gli Affari esteri, intervenendo al convegno dei giovani di Confindustria a Santa Margherita ligure: “l’Iran guarda all’Europa per connettersi al mondo. Stiamo lavorando perché possa aggiungersi al Wto[…]”.

Fonte: La Repubblica, Economia – L.P. (pag. 20)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]