Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Iran vende petrolio a Saras e Iplom
12/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Secondo quanto ha riferito l’agenzia governativa Irna, il governo di Teheran ha firmato una serie di accordi commerciali per la vendita di petrolio a compagnie in Italia, Grecia e Spagna. La notizia è arrivata direttamente dal responsabile per gli affari internazionali della compagnia petrolifera nazionale iraniana: gli acquirenti sono la spagnola Repsol, la greca Hellenic Petroleum e per l’Italia le società Saras e Iplom. Non sono state comunicate le quantità di greggio acquistate. Anche se l’Europa rimane un interlocutore commerciale importante per le esportazioni iraniane, il Vecchio Continente deve ormai rassegnarsi a svolgere un ruolo secondario: al primo posto si è insediata l’Asia, grazie agli acquisti dei grandi colossi come Cina, India, Corea del Sud ed il Giappone. Il ritorno dell’Iran nel campo dell’economia europea è sostenuta anche da Bruxelles, come ha spiegato Federica Mogherini, l’Alta rappresentante della Ue per gli Affari esteri, intervenendo al convegno dei giovani di Confindustria a Santa Margherita ligure: “l’Iran guarda all’Europa per connettersi al mondo. Stiamo lavorando perché possa aggiungersi al Wto[…]”.

Fonte: La Repubblica, Economia – L.P. (pag. 20)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]

Doppia Commessa per Saipem

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari.
[leggi tutto…]