Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Iran insegue ancora Eni
26/09/2018 - Pubblicato in news internazionali

Tra le oil company inseguite dall’Iran c’è l’Eni, inserita insieme con l’anglo-olandese Royal Dutch Shell in un elenco ristretto di potenziali partner per sviluppare il giacimento di Kish. Secondo l’agenzia di stampa iraniana Shana (che riporta a sua volta un report di Nioc), Eni, Shell, Gazprom, Rosneft e Kogas sarebbero in corsa per il contratto e avrebbero sottoposto un piano di fattibilità. In realtà le cose stanno diversamente. Eni infatti ha risposto a un primo invito di Nioc più di un anno fa, ma poi ha deciso di non andare avanti con il dossier Kish. Il giacimento è un campo di gas giant situato vicino all’omonima isola di Kish, nel Golfo Persico. Scoperto nel 2006, detiene 66 trilioni di metri cubi di gas, di cui 50 trilioni sono recuperabili. Il Gruppo di Descalzi si sta preparando a lasciare definitivamente l’Iran, con il quale sono ormai in essere solo alcuni contratti di fornitura.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]