Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Iran: Eni selezionata tra i gruppi ammessi alle prossime gare
03/01/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

La posta in palio è alta: in ballo ci sono 43 concessioni per l’esplorazione e la produzione, tra petrolio e gas, e a contendersele saranno 29 compagnie straniere, tra cui l’Eni, che hanno ricevuto il via libera di Teheran. Ieri, infatti, sul sito della Nioc (National Iranian Oil Company), la compagnia petrolifera iraniana, è stata pubblicata la lista delle major che potranno partecipare alle prossime gare. Sulla tempistica, però, al momento non ci sono indicazioni. Di certo, invece, c’è che nell’elenco figurano, oltre al gruppo guidato da Claudio Descalzi, quasi tutti i big dell’oil&gas - dal colosso anglo-olandese  Shell alla francese Total, dalle russe Gazprom e Lukoil ai cinesi di Cnpc - con l’esclusione delle compagnie americane che non hanno conquistato questo primo lasciapassare. I piani di Teheran sono noti. Dopo l’accordo sul nucleare del 2015, il governo ha fretta di far ripartire l’industria petrolifera e ha messo in campo un consistente programma di sviluppo che punta a raccogliere circa 200 miliardi di dollari di investimenti stranieri nei prossimi cinque anni e a far rientrare nel paese le principali compagnie.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Ce. Do (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]