Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Iran: Eni selezionata tra i gruppi ammessi alle prossime gare
03/01/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

La posta in palio è alta: in ballo ci sono 43 concessioni per l’esplorazione e la produzione, tra petrolio e gas, e a contendersele saranno 29 compagnie straniere, tra cui l’Eni, che hanno ricevuto il via libera di Teheran. Ieri, infatti, sul sito della Nioc (National Iranian Oil Company), la compagnia petrolifera iraniana, è stata pubblicata la lista delle major che potranno partecipare alle prossime gare. Sulla tempistica, però, al momento non ci sono indicazioni. Di certo, invece, c’è che nell’elenco figurano, oltre al gruppo guidato da Claudio Descalzi, quasi tutti i big dell’oil&gas - dal colosso anglo-olandese  Shell alla francese Total, dalle russe Gazprom e Lukoil ai cinesi di Cnpc - con l’esclusione delle compagnie americane che non hanno conquistato questo primo lasciapassare. I piani di Teheran sono noti. Dopo l’accordo sul nucleare del 2015, il governo ha fretta di far ripartire l’industria petrolifera e ha messo in campo un consistente programma di sviluppo che punta a raccogliere circa 200 miliardi di dollari di investimenti stranieri nei prossimi cinque anni e a far rientrare nel paese le principali compagnie.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Ce. Do (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]