Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Iran si autofinanzia per Eni&C
10/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Shell ha rotto gli indugi, prima fra le oil company europee a tornare in affari con Teheran. Le altre considerate in pole position come Eni e Total, invece ancora nicchiano. Il problema è da ricondurre anche al fatto che gli Stati Uniti hanno rimosso solo parzialmente l’embargo e continuano a tenere congelati i conti esteri iraniani, impedendo o rallentando la firma di accordi definitivi. Anche per questo Nioc, la compagnia nazionale iraniana, ha deciso di riprovare a finanziarsi sul mercato. Sono proventi che si aggiungeranno agli incassi delle vendite di petrolio, visto che già da febbraio l’Iran ha ripreso a fornire anche l’Europa, con un afflusso giornaliero di 400 mila barili.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]