Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Per gli investimenti delle compagnie il barile deve tornare a 60 dollari
14/07/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,stoccaggi

Sul petrolio è tornato a soffiare il vento dei ribassi alimentato dall’allarme sulle scorte lanciato dall’Agenzia internazionale per l’energia. Miliardi di barili di carburanti continuano nonostante tutto ad accumularsi schiacciando le quotazioni ai minimi da due mesi, di nuovo sotto 50 dollari: una soglia che non consente di sviluppare la produzione in modo da soddisfare la futura domanda. La maggior parte dei progetti di investimento da parte delle compagnie petrolifere deve attendere che il greggio torni a quotare almeno 60 dollari al barile. Secondo uno studio pubblicato da WoodMackenzie col barile a 60$ avrebbero via libera il 70% dei progetti, capaci di portare sul mercato 9 milioni di barili al giorno in più entro il 2025.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]

Dalla lotta alle frodi al taglio dei sussidi

Lo chiamano “Pins”, Piano di politica economico-finanziaria per l'Innovazione e la sostenibilità, ed è la new entry annunciata nel Programma nazionale di riforma (Pnr), che servirà a organizzare tutti i piani preesist
[leggi tutto…]