Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Per gli investimenti delle compagnie il barile deve tornare a 60 dollari
14/07/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,stoccaggi

Sul petrolio è tornato a soffiare il vento dei ribassi alimentato dall’allarme sulle scorte lanciato dall’Agenzia internazionale per l’energia. Miliardi di barili di carburanti continuano nonostante tutto ad accumularsi schiacciando le quotazioni ai minimi da due mesi, di nuovo sotto 50 dollari: una soglia che non consente di sviluppare la produzione in modo da soddisfare la futura domanda. La maggior parte dei progetti di investimento da parte delle compagnie petrolifere deve attendere che il greggio torni a quotare almeno 60 dollari al barile. Secondo uno studio pubblicato da WoodMackenzie col barile a 60$ avrebbero via libera il 70% dei progetti, capaci di portare sul mercato 9 milioni di barili al giorno in più entro il 2025.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]