Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Per gli investimenti delle compagnie il barile deve tornare a 60 dollari
14/07/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,stoccaggi

Sul petrolio è tornato a soffiare il vento dei ribassi alimentato dall’allarme sulle scorte lanciato dall’Agenzia internazionale per l’energia. Miliardi di barili di carburanti continuano nonostante tutto ad accumularsi schiacciando le quotazioni ai minimi da due mesi, di nuovo sotto 50 dollari: una soglia che non consente di sviluppare la produzione in modo da soddisfare la futura domanda. La maggior parte dei progetti di investimento da parte delle compagnie petrolifere deve attendere che il greggio torni a quotare almeno 60 dollari al barile. Secondo uno studio pubblicato da WoodMackenzie col barile a 60$ avrebbero via libera il 70% dei progetti, capaci di portare sul mercato 9 milioni di barili al giorno in più entro il 2025.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]