Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Intervista a Fatih Birol: "Petrolio, giusto riunire il G20, se crolla il settore per danni per tutti"
08/04/2020 - Pubblicato in news internazionali

Produttori e consumatori di petrolio allo stesso tavolo per evitare “nell’interesse di tutti il tracolo del settore”. A questo servirà la riunione d’urgenza del G20 Energia, convocato per venerdì, all’indomani del vertice Opec. Fatih Birol, direttore dell’Aie rivendica la paternità dell’idea di convocare il G20 e allude alla possibilità di un accordo sui tagli di produzione con il contributo anche degli Usa. Nell’intervista spiega che il crollo dell’industria dell’Oil&Gas sarebbe un grande pericolo per l’economia globale. Non solo per i Paesi produttori ma anche per quelli che lo importano. I Paesi importatori spiega Birol come molti Paesi europei, India e Cina, hanno capacità di stoccaggio: ora che i prezzi sono così bassi potrebbero comprare un po' di greggio per i rainy days del futuro. E per i Paesi che non hanno abbastanza spazio negli stoccaggi, come l’Italia, ci sono altre opzioni, come le petroliere. E chi proprio non può – dichiara Birol – basta che offra il suo sostegno politico. “L’Italia ha una delle maggiori compagnie petrolifere del mondo, che risente della situazione. Avete anche molte raffinerie, stazioni di rifornimento. Questo è un problema di tutti, non riguarda solo l’industria petrolifera”. Intanto avverte che gli Usa hanno concordato con Birol e con l’Arabia Saudita che fosse opportuno riunire il G20.

Fonte: Il Sole 24 Ore- Sissi Bellomo (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Mire cinesi sul gas Eni australiano

Arrivano dalla Cina i primi concreti segnali di interesse per gli asset australiani di Eni. Secondo indiscrezioni, tra i pretendenti c’è Roc Oil, quartier generale a Sidney ma azionariato cinese
[leggi tutto…]

UE, l'Est Europa chiede sostegno per il gas

Otto paesi UE hanno firmato venerdì un documento congiunto per difendere il “ruolo del gas naturale in un'Europa neutrale dal punto di vista climatico”
[leggi tutto…]

Non solo rinnovabili. La lezione da imparare per ripartire “verdi”

“E’ presto per calcolare gli impatti a lungo termine, ma l’industria dell’energia che uscirà da questa crisi sarà molto diversa da quella che conoscevamo”
[leggi tutto…]